Rimani sempre aggiornato sulle notizie di siniscolanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Dal 23 al 25 giugno la festa di San Giovanni Battista. Sabato e domenica “Primavera nel cuore della Sardegna”

Il 23 l'antico rito de "Sa comparia" promoso dalla Pro Loco

| di Mauro Piredda
| Categoria: Attualità
STAMPA

Mancano pochi giorni all’inizio dei festeggiamenti civili in onore del santo patrono dei siniscolesi, Giovanni Battista.

Gli appuntamenti religiosi sono iniziati giovedì 15 con i rosari e le sante messe della novena che si protrarranno fino al 23, giornata in cui si accenderanno i tradizionali “oloneddos”. Piccoli falò (a differenza de “sos olones” invernali di Sant’Antonio) che sono prodotti dalla combustione de “sas cannas de sa 'ava”, de “sos frores de Santa Maria”, de “sas prammas vetzas” e de “sos ramos de olia” benedetti duranta la Pasqua dell’anno precedente.

Sos oloneddos, alle 20.00 (al suono delle campane de “s’Ave Maria”), saranno accesi negli “ichinatos” che rinnovano la tradizione nel tempo, in piazza San Giovanni e anche in piazza del mercato. In quest’ultima postazione l’iniziativa sarà curata dalla Pro Loco che proporrà l’antico rito de “sa comparia”.

Sempre il 23 inizieranno i festeggiamenti civili predisposti dalla Leva ‘79.

>>> qui il programma completo

Dopo gli appuntamenti pomeridiani con gli scacchi e l’esibizione del giocoliere Ricchi Murru, inaugureranno il palcoscenico di piazza Puxeddu le esibizioni musicali di Morgana Brais e del piccolo pianista Andrea Manca, lo spettacolo del comico di Zelig Giovanni Cacioppo e il tributo agli Ac/Dc ad opera dei Riff Raff.

Dal 24 la festa patronale si unirà con la 23ma e ultima tappa di “Primavera nel cuore della Sardegna”, l’evoluzione della manifestazione “Primavera nel Marghine, Ogliastra e Baronia” promossa dall’Aspen della Camera di commercio di Nuoro e dalle amministrazioni comunali coinvolte.

>>> qui il programma completo

La leva proporrà altre due giornate con laboratori artistici per bambini, la santa messa presieduta dal vescovo di Nuoro e concelebrata da don Ciriaco Vedele, la processione (con banda musicale, coro polifonico, i costumi tradizionali a cavallo e i gruppi folk), i balli sardi, i canti a tenore (il 24), la gara di canto sardo “a chiterra” e il concerto dei Tazenda (il 25).

Faranno parte del programma di “Primavera nel cuore della Sardegna” la dimostrazione della preparazione del “pane pintatu”, le escursioni nelle grotta di “Gana ‘e Gortoe” e de “Sa Prejone ‘e s’Orcu”, le esibizioni de “Sos tintinnatos”, una gara di pittura estemporanea, un concorso fotografico, esposizioni varie (dai prodotti dell'enogastronomia a quelli artigianali passando per la flora e la fauna sarda e i giochi antichi siniscolesi), percorsi nelle “Cortes”, la presentazione del libro di Maria Antonietta Mazzone (I sapori della memoria), degustazioni de “sa supa thiniscolesa”.

A mezzanotte del 26 l’estrazione dei biglietti della lotteria.

 

Mauro Piredda

Contatti

redazione@siniscolanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK