Rimani sempre aggiornato sulle notizie di siniscolanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Modifica delle deleghe assessoriali. Fadda: «Ho chiesto io di rinunciare ai Lavori pubblici». Il centrosinistra: «Il cambio di assessorato non cancella lo stato giuridico del passato»

Il sindaco Farris: «Nessun problema politico»

| di Mauro Piredda
| Categoria: Attualità
STAMPA

Attraverso un decreto sindacale del 16 luglio, firmato anche dagli altri esponenti della Giunta, il primo cittadino Gian Luigi Farris ha modificato il precedente atto del giugno 2016 in merito alle deleghe assessoriali. Un provvedimento considerato «opportuno» e «necessario» che interessa alcuni eletti.

Sebbene questa ricognizione non cancelli l’incarico di vicesindaco, precedentemente attribuito al candidato più votato nella tornata elettorale di due anni fa, emerge l’attribuzione dei Lavori pubblici (oltre alla Sicurezza e alla Vigilanza) al sindaco Farris. Marco Fadda, venuta meno anche la delega alle Energie rinnovabili, risulta ora assessore dei Trasporti e dell’Ambiente.

Quest’ultimo incarico apparteneva ad Antonio Bellu, che però continuerà a occuparsi di Igiene e decoro urbano. «Nessun problema politico» ha affermato Farris. «Ci siamo scambiati alcuni ruoli – ha aggiunto Fadda – Ho chiesto io di rinunciare alla delega ai Lavori pubblici in quanto devo portare a termine alcune opere che potrebbero generare un conflitto di interessi».

Il vicesindaco, di professione ingegnere, ha fatto riferimento all’urbanizzazione di una lottizzazione che passerà al Comune. Fadda non ha escluso un lavoro «sinergico all'interno della Giunta».

Ma per il centrosinistra, che contesta «il mantenimento della delega di vicesindaco» da parte del consigliere più votato nella scorsa tornata, non sarebbe sufficiente quanto dichiarato dall'esponente della maggioranza.

I rappresentanti di Psi, Pd e LeU, attraverso una nota congiunta, chiedono perciò «la convocazione del Consiglio, per avere una doverosa spiegazione del provvedimento di rimpasto. In tale sede - prosegue il comunicato - il vicesindaco dovrà rispondere sulla liceità del ruolo svolto sin dall’insediamento di questa amministrazione, in pieno conflitto di interessi (da lui stesso sostenuto pubblicamente), in quanto il cambio di assessorato non cancella automaticamente lo stato giuridico illegittimo del passato. Non risponde a verità, peraltro, - conclude il documento - che con il provvedimento adottato tutto è tornato secondo legge».

Mauro Piredda

Contatti

redazione@siniscolanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK