Rimani sempre aggiornato sulle notizie di siniscolanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Peste suina africana, l'amministrazione ha individuato due fosse settiche. Ma per l'autogestita “Mattaquitza” «il piano regionale continua ad essere calato dall'alto»

| di Mauro Piredda
| Categoria: Associazioni
STAMPA
Celentano, Nieddu e Farris durante l'incontro del 24 novembre

 

Si è tenuto martedì pomeriggio, presso la sede dell'autogestita “Mattaquitza”, un incontro dei cacciatori con il sindaco Rocco Celentano e il dottor Gianni Nieddu, veterinario del distretto siniscolese Asl sul tema delle ultime direttive regionali in tema di peste suina.

I soci della compagnia presieduta da Gianluigi Farris avevano già manifestato la propria contrarietà in merito ad alcuni passaggi della determinazione n. 7 del 15 ottobre scorso. Nel cosiddetto “Quarto provvedimento attuativo del Programma straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana 2015-2017”, sono infatti riportate alcune prescrizioni particolarmente invise ai cacciatori (come quelle relative alle fosse settiche e ai locali di stoccaggio). Ma da allora lo stesso provvedimento è stato modificato tre volte: il 20 e il 28 ottobre e il 20 novembre.

«I cacciatori – queste le parole del dottor Nieddu – sono sicuramente penalizzati da questa riforma. Però bisogna anche capire che loro, dal momento che trasportano l'animale dal bosco verso la zona urbana, devono mettersi a disposizione per evitare il contatto tra il selvatico e il domestico. Sono comunque soddisfatto dell'approccio dei cacciatori siniscolesi, è stato un bell'incontro e loro hanno manifestato la loro disponibilità a collaborare nonostante tutto. Sono consapevoli del loro ruolo».

L’amministrazione comunale ha dichiarato la propria disponibilità a collaborare con le compagnie di caccia. «Il nostro territorio – così Celentano – fa parte di un macroareale infetto nel selvatico, per cui occorre prestare grande attenzione per le parti di carcassa e visceri da distruggere presso i luoghi raccolta mediante infossamento o ditte autorizzate. Le fosse realizzate dal Comune sono ubicate in località Murtas Arts e a Capo Comino. L’ amministrazione invita tutte compagnie di caccia al rispetto delle prescrizioni sanitarie e gestionali, per contribuire fattivamente all’eradicazione della Psa in tempi brevi, anche al fine di evitare danni economici per il divieto di esportazione delle carni».

Secondo Farris «Comune e Asl non hanno colpe perchè è qualcosa che la Regione ha calato dall'alto. È impensabile che gli assessorati di riferimento non abbiano valutato la questione con realtà oggettiva». I cacciatori della compagnia hanno manifestato la volontà di rispettare le norme: «Lo facciamo perchè abbiamo la passione della caccia, dei cani, delle tradizioni e dello stare insieme. Noi paghiamo le tasse, compriamo armi e munizioni, accudiamo e alleviamo cani, ma ci vogliono come braccio armato per controllare cinghiali e debellare la peste suina africana senza considerare il fenomeno dei maiali che circolano liberamente in alcune zone della Sardegna anche nei periodi in cui non si caccia. Che vadano loro a debellare i cinghiali e le loro pesti, non siamo il bancomat delle istituzioni».

Ribadita la contrarietà (già manifestata a luglio) alla caccia grossa al cinghiale il giovedì.

Mauro Piredda

Contatti

redazione@siniscolanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK