Partecipa a SiniscolaNotizie.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Lunedì delle palme (tagliate) a Santa Lucia

Espiantate quelle davanti alla chiesetta. Per il comitato “se era necessario avrebbero dovuto farlo a luglio-agosto”

Condividi su:

A Santa Lucia i lavori della riqualificazione del borgo sono iniziati da pochi giorni. Ma nelle scorse ore la polemica ha subito una accelerazione a causa della rimozione delle palmi antistanti la chiesetta. Azione apertamente contestata dal comitato "Salviamo Santa Lucia".
«Non hanno remore, né pudore! Con la scusa che le radici delle palme che, da oltre 40 anni svettavano davanti alla chiesa, stavano determinando danni per il marciapiedi antistante la parrocchia, oggi qualcuno (ancora non meglio identificato) ha dato disposizione agli operai della Coromano s.r.l. di eradicarle e spostarle nell'area sovrastante la frazione che, nel futuro prossimo, dovrebbe diventare il belvedere di Santa Lucia».
Ferma condanna dell'azione in quanto «le radici delle palme si sviluppano verso il basso e non orizzontalmente» e «qualora pure volesse ammettersi la necessità di un espianto, è bene ricordare che il periodo consentito per il trapianto è luglio-agosto, mesi nei quali si presenta il massimo sviluppo radicale, che è necessario preparare una buca profonda più della zolla e rimuovere il terreno sottostante di almeno 1,5/2mt. E invece, le palme espiantate giacciono miseramente appoggiate sul terreno senza che la zolla sia stata in alcun modo interrata».
Il comitato a tal proposito pone una serie di domande facendo capire ulteriormente la propria attività di controllo sociale sui lavori in corso.
«Ci piacerebbe sapere: chi ha dato ai dipendenti della Coromano s.r.l. l'incarico di togliere le palme dalla loro sede naturale? In virtù di che cosa è stato affidato questo compito alla Coromano s.r.l. visto che lo stesso non rientra certo nell'oggetto dell'appalto? L'ordine è stato impartito verbalmente oppure per iscritto? Chi ha relazionato la necessità tecnica di procedere all'espianto? Perchè invece di posizionare le palme nella piazza dove sono sempre state, in una zona magari più discosta dalla chiesa, si è deciso di trasportarle all'esterno della frazione?».

Intanto nella giornata di ieri anche il Gruppo di intervento giuridico ha dato spazio sul proprio portale alla lotta del comitato.
 

Condividi su:

Seguici su Facebook