Partecipa a SiniscolaNotizie.net

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

150 mila euro per salvare la torre di Santa Lucia

La struttura aragonese è circondata dalle transenne a seguito di un'ordinanza

Condividi su:

SANTA LUCIA. Costruita nel primo decennio del XVII secolo, la torre aragonese che tutti associano alla frazione marittima di Santa Lucia di Siniscola fu costruita – a seguito dell'altra torre di San Giovanni (Posada) - come strumento di difesa in un periodo in cui le incursioni dei barbari imperversavano nel Mediterraneo. Oggi la torre è un'attrazione turistica, ma prima ancora un segno tangibile dell'identità del centro della Baronia. Ma le transenne che la circondano indicano il rischio che la stessa corre se non si interviene al più presto.

La relazione del responsabile comunale del Servizio Lavori pubblici e manutenzioni, Efisio Pau, ha infatti constatato l’elevata criticità con fenomeni di distacco di pietre e mattoni. Il sindaco Rocco Celentano ha recentemente emesso un'ordinanza con un obiettivo che va oltre la “recinzione permanente al fine di mettere in sicurezza l’area circostante”. Inviata al Prefetto di Nuoro, all'Agenzia del Demanio, alla Soprintendenza, all'Agenzia regionale Conservatoria delle coste, agli Sssessorati regionali agli Enti locali, all'Istruzione, ai Lavori pubblici, al Turismo e al Servizio Tutela del paesaggio, essa lancia un monito alla politica regionale per far si che la struttura venga salvata. «Non ci sono soldi – ha tuonato Celentano – ma basterebbero 150 mila euro».

Condividi su:

Seguici su Facebook