Rimani sempre aggiornato sulle notizie di siniscolanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Pastori in lotta, il comunicato delle opposizioni consilari

| Categoria: Attualità
STAMPA

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato delle opposizioni consiliari sulla lotta dei pastori siniscolesi.


La rabbia dei pastori sardi continua a invadere i social con i tanti video di protesta che si stanno pubblicando, in cui si vede BUTTARE il frutto del loro duro lavoro. È triste vedere sprecare tanto latte per manifestare le proprie problematiche, ma lo è ancor di più vedere un uomo che rappresenta tutta la categoria, che mentre lo fa, racconta che ha “figli da sfamare” e che buttando il latte “non ha niente da perdere perché la mattina quando va a versare si alza per fare dei debiti poiché i costi di produzione del latte superano di gran lunga il prezzo del prodotto stesso. È inconcepibile vendere il latte a 60 centesimi, quando l’ISMEA valuta il costo di produzione da 80 centesimi a un euro. Gli allevatori chiedono rispetto agli industriali e se non si arriva a rivalutare il prezzo del latte, molte aziende si vedranno costrette a chiudere.
Le opposizioni di Siniscola, di fronte alle problematiche della categoria intendono manifestare la piena solidarietà verso tutti gli allevatori del territorio, e non solo, condividendo le loro rivendicazioni. Sappiamo che è un problema complesso che perdura negli anni e che non è di facile risoluzione, ma va affrontato in primis a livello Nazionale e Regionale.
Quale logica di mercato infatti consente di determinare il prezzo di mercato del latte da parte dei trasformatori? Con quale coraggio si impone alle aziende di investire per sviluppare il settore e per adeguarsi alle norme europee e poi a livello nazionale e regionale non si adottano misure per tutelarne la produzione? Servono regole e norme chiare che tutelino i nostri pastori. Non si può continuare a ricattarli con le caparre o acquistando il latte dalla Bulgaria o altri paesi a costi inferiori per poi vendere le produzioni come pecorino romano. Occorre una vera tutela del prodotto e delle nostre produzioni di qualità.
La pastorizia rappresenta la storia e la cultura della Sardegna. Non possiamo farla morire senza lottare. Le problematiche sono tante e vanno tutte affrontate e risolte: trasporti, energia, carenze strutturali e dei macchinari, siccità, alluvioni, blue tongue, Questi alcuni dei tanti problemi che devono affrontare.
In merito a quest’ultimo, le opposizioni hanno evidenziato nel C.C. del 17 gennaio scorso, la necessità rivendicata dai pastori di versargli gli indennizzi già a disposizione del comune e ad oggi ancora non hanno ricevuto niente. Chiediamo dunque al Sindaco Farris e all’Assessore all’Agricoltura Bellu Antonello, come mai a metà febbraio queste risorse giacciano ancora nelle casse comunali e non vengano versate ai pastori conoscendo le già tante problematiche che stanno affrontare.

Le opposizioni consiliari

Contatti

redazione@siniscolanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK