Rimani sempre aggiornato sulle notizie di siniscolanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Poesia e racconto, due riconoscimenti al Premio Logudoro per il torpeino Giovanni Chessa

| di Mauro Piredda
| Categoria: Arte
STAMPA
Giovanni Chessa e Antonio Maria Pinna

Si svolgerà domenica 23 ottobre, a San Nicola (Ozieri), la cerimonia di consegna dei trofei del Premio Logudoro di letteratura sarda arrivato alla sua 35ma edizione. Tra i protagonisti anche il poeta e scrittore torpeino Giovanni Chessa, primo classificato nella scorsa edizione con D’abbare chin perdonu su suzone” (nella sezione a tema imposto Perdonu incunzat paghe).

Chessa riceverà quest'anno il premio speciale della Giuria per la sezione tematica intitolata “Aidos de Ispera” con la sua “Iscampios de anderas”. «Su regulamentu est craru – ha dichiarato Chessa –, sende chi apo bìnchidu s'annu coladu non podia torrare a bìnchere ocannu, ma est un'onore a nch'istare intre sos premiados de custa manifestatzione de importu».

In merito alla sua opera, Chessa affronta i temi della guerra («In di’ ‘errile dolu ant tremenadu / chin radadiles de predas / de fundagos nieddos / e ludraos fungudos de palaos / chin cricos iferrados / d’atàglios acutados») e delle speranze impersonificate nei figli («Oje si sont ischintas / de s’ ‘elu chi fint chintas / mamas tentas in bentres d’alvas sedas / e nd’ant illieradu bonu fadu / d’abbiados piseddos […] prendas in mindas, ogros de sos ghizos; / iscàmpios e bados de anderas, / bàrdias noas d’àidos d’isperas»).

Riconoscimento anche nella sezione prosa (secondo ex aequo con altri tre concorrenti). “Istrobbu intre lugores” è un breve racconto nel quale i protagonisti, Bainzu e Frantzisca, vivono l'esperienza dell'incidente stradale («Est un’ómine un’ómine e mezu...unu trau sena corros chi illassinat in sa caminera, si ghindat de lados, che addribbat a dereta e su culu in mesania! S’ómine che brincat dae gropera e che addribbat a su bidru de dainnantis. “Oihh!”, Bainzu e Frantzisca intendent sos zizios in ogros e in ghiza. Su ‘idru si ufrat achirra a intro e si torrat ischechèndesi in chentu màzines e s’abberit in filos de tagliaranu, anneulende ogros e mente»).

 

Nella foto, Giovanni Chessa (con Antonio Maria Pinna) premiato a Posada il 6 agosto

 

 

 

Mauro Piredda

Contatti

redazione@siniscolanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK