Partecipa a SiniscolaNotizie.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

“Il mondo sommerso”: l'arte fotografica di Enzo Pace in mostra sino al 27 a Posada

A Torpè dal primo al 12 febbraio. Successivamente (con date e luoghi da definire) a Lodè e Bitti

Condividi su:

POSADA. Inizierà oggi la mostra itinerante “Il mondo sommerso” curata dal fotografo-biologo Enzo Pace e nata dalla collaborazione tra le quattro amministrazioni del Parco di Tepilora (Lodè, Torpè, Posada e Bitti). L'esposizione fotografica sulle biodiversità marine fa parte del progetto di educazione ambientale “Adotta un albero”, promosso dall'omonima Associazione, e dal Ceas "Monte Albo di Lodè" con l’obiettivo di contribuire a far conoscere e difendere la natura agli studenti ed ai cittadini.

Promotori dell'evento sono il Comune di Lodè, l'Associazione Adotta un albero onlus, il CEAMAL di Lodè con il patrocinio del Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare,

«La mostra – come dichiarato dagli organizzatori – si pone l’obiettivo di far conoscere gli aspetti curiosi di alcuni degli abitanti più comuni del Mar Mediterraneo. Sensibilizzare le persone, partendo dai più piccoli, al rispetto e la tutela dell’ambiente è di fondamentale importanza per dare la possibilità alle generazioni future di vivere in un mondo sano e ricco di biodiversità».

I 43 quadri riproducono le foto scattate con la sola luce ambientale, «per dare una percezione naturale del mondo marino visto con gli occhi di ciascuno». Tra i soggetti immortalati alghe, piante marine, invertebrati (poriferi, anemoni, meduse, vermi, molluschi, stelle marine e ricci) e vertebrati (tunicati e pesci).

L'esposizione sarà aperta al pubblico fino al 27 gennaio (dal lunedì al mercoledì dalle 9.00 alle 1.00) presso il Ceas Casa delle Dame. Dal primo febbraio fino al 12 (con visite il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 16.00 alle 18.00) sarà invece allestita presso l'Ufficio turistico della Casa del Parco a Torpè. Successivamente (con date e luoghi da definire) sarà possibile visitarla a Lodè e a Bitti.

Condividi su:

Seguici su Facebook