Rimani sempre aggiornato sulle notizie di siniscolanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Maccheronis, raggiunta l'intesa tra sindaci e Regione. Stop agli svuotamenti e modifica dei piani di protezione civile

| di Gianfranca Orunesu, Mauro Piredda
| Categoria: Attualità
STAMPA

È stato raggiunto, nella giornata di ieri, un accordo tra i sindaci di Torpè e Posada e l’amministrazione regionale circa la gestione dell’invaso di Maccheronis.

A fronte di una modifica dei piani di protezione civile, approvata con delibere di Consiglio comunale nel pomeriggio, la Giunta ha preso l’impegno di porre mano al piano di laminazione che, per questioni di protezione civile, prevede un livello massimo di 12,2 milioni di metri cubi di acqua invasata fino al 28 febbraio (17,6 fino al 31 marzo, 22,1 dal 1 aprile fino al 30 settembre).

Saranno quindi interrotte le operazioni di svuotamento e, nel bacino, si potranno incamerare 22.1 milioni di metri cubi d'acqua senza dover aspettare il primo aprile.

«Con l'emissione del codice giallo (criticità ordinaria) da parta della Protezione civile regionale - ha affermato Roberto Tola -, ci comporteremo come se fosse un codice arancione (criticità moderata)».

«La modifica del nostro piano di protezione civile - ha aggiunto Omar Cabras - prevederà quindi una maggior attenzione da parte nostra, senza naturalmente far correre nessun rischio alla popolazione, in caso di eventi metereologici avversi. Quindi potrebbe succedere che, anche in caso di eventi metereologici di portata minore, potremo allertare coloro i quali vivono in zone ad alto rischio, come quelli residenti oltre l'argine sinistro (Mata erva, Filinita etc.) a seconda della pericolosità dell'evento in atto».

Gianfranca Orunesu, Mauro Piredda

Contatti

redazione@siniscolanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK