Partecipa a SiniscolaNotizie.net

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

I giocatori “italiani” che potrebbero finire nel campionato saudita

Condividi su:

Salutati Milinkovic-Savic e Brozovic, altre stelle della Serie A potrebbero seguire il loro esempio e cedere alle sirene dell’Arabia Saudita. Del resto ormai è chiaro a qualsiasi appassionato come il Paese mediorientale sia diventato la destinazione più gettonata tra i big del calcio mondiale.

A fare gola sono senz’altro i milioni degli sceicchi, ma è innegabile come il calcio saudita stia acquisendo sempre più appeal anche sul piano tecnico. Da Cristiano Ronaldo a Kanté, da Benzema a Firmino, sono diversi i nomi di spicco che daranno lustro alla prossima stagione del campionato arabo. Un concetto che appare chiaro guardando anche le ultime quote delle scommesse online sulla Saudi Pro League.

Se da un lato sappiamo già chi è approdato in terra saudita, dall’altro siamo curiosi di scoprire chi lo farà presto, soprattutto dal nostro campionato. Scopriamo di più sui nomi plausibili analizzando anche l’opinione di Andrea D’Amico sul calciomercato in corso.

Da Lukaku a Immobile, chi può finire in Arabia Saudita

Sembra piuttosto ingarbugliata la questione riguardante RomeluLukaku. Il bomber belga pare al centro di un intrigo tra Juventus e Inter. Tra le due contendenti potrebbe sbucare l’Al-Hilal, pronto a mettere sul piatto del Chelsea ben 50 milioni. A dire il vero, però, l’attaccante ha sempre dichiarato di non gradire troppo la destinazione. Ma aveva detto anche che non sarebbe andato alla Juve…

A proposito dei bianconeri, il neo direttore Giuntoli ha una serie di esuberi da piazzare. A cominciare da Leonardo Bonucci e Alex Sandro, che hanno ingaggi pesanti e potrebbero cedere alle lusinghe arabe. Sullo sfondo anche Paul Pogba, che avrebbe già ricevuto proposte a otto zeri ma che sembrerebbe voler restare a Torino.

Proseguiamo la nostra carrellata con Ciro Immobile, tentato da Al-Wheda e Al-Shabab. All’alba dei 34 anni, il bomber della Lazio avrebbe l’occasione di strappare l’ultimo grande stipendio della sua carriera. Restando a Roma, sponda giallorossa, ancora l’Al-Shabab avrebbe recapitato un’offerta da 7 milioni per Leonardo Spinazzola. Per lui sul piatto ci sarebbero 6 milioni di euro a stagione per tre anni.

Chiudiamo con Piotr Zielinski, fresco campione d’Italia col Napoli e in scadenza di contratto. Potrebbe essere questo il momento giusto per lasciare la Serie A da vincitore. L’altra ipotesi è quella di riabbracciare Maurizio Sarri alla Lazio. 

D’Amico sul momento del calcio italiano: “Per i giovani lo spazio è sempre molto poco”

Il calcio italiano rischia davvero di diventare il “supermercato” degli sceicchi? All’ipotesi paventata da Fulvio Collovati, il noto agente dei calciatori Andrea D’Amico risponde così: “Siamo ad un livello molto più basso di una volta. Il nostro mercato è diventato un ‘secondo’ mercato, dove vengono acquistati giocatori giovani, per essere valorizzati e poi ceduti ad acquirenti più importanti”.

Se i campioni già formati partono per altri lidi la soluzione giusta potrebbe essere proprio quella di valorizzare i prodotti del vivaio. Per loro, però, “lo spazio è sempre molto poco”. I numeri rivelati dal procuratore non mentono: “Circa il 70% dei giocatori in Serie A sono stranieri. Per questi giovani è sempre più difficile avere la possibilità di giocare in prima squadra”. Rivolgendosi a Collovati, D’Amico ricorda i tempi in cui l’Italia era sul tetto del mondo: “Voi che siete diventati campioni del mondo, e io ad esempio nel 2006 ho avuto la possibilità di lavorare per cinque campioni del mondo, avete avuto la possibilità di crescere, maturale e migliorare”. Oggi questa possibilità sembra essersi smarrita.

Condividi su:

Seguici su Facebook