Rimani sempre aggiornato sulle notizie di siniscolanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Colonialismo linguistico nelle strade

di Francesco Casula

| Categoria: Attualità
STAMPA

Lo Stato, e per esso il Ministero delle Infrastrutture, con una circolare della direzione Generale della Sicurezza stradale torna all’attacco contro la lingua sarda nei cartelli stradali. Questa volta però non direttamente, in modo frontale, ma obliquamente. Lo ha colto Pepe Corongiu (direttore del Servizio Lingua Sarda della Regione sarda) che ha scritto :”Sos cartellos bilingues non los cherent bogare ma colorare a tabachinu. Ma custu sa lege non lu narat, est sa tzirculare chi ponet paris art. 37 Codice della strada cun art.137 Regulamentu chi faeddat però de sinnales turìsticos. Duncas est un'interpretatzione chi podet èssere controida a manera simple. In tabachinu andant fatos àteros cartellos, ma non cussos de inghitzu e fine de bidda. Est unu clàssicu de su colonialismu linguìsticu italianu ipòcrita, chi in su libru meu «Il sardo una lingua normale», apo assimigiadu a s'orientalismu: non ti nego chi b'est una limba, ma ti la muto dialetu e ti la mudo a manera folclorìstica e turìstica. Non normale. Gasi tue etotu imparas a sa sola a la crisare. Tando est importante a nàrrere a sos sìndigos chi sos cartellos si podent fàghere, mancari sighende semper sos inditos de s'ufìtziu regionale”. Si tratta – come ognuno può notare – di una operazione pericolosissima: io Stato non proibisco il Sardo nei cartelli stradali purché siano scritti di un colore diverso da quelli in Italiano, siano di dimensioni più piccole e non apposti all’inizio e alla fine dei centri abitati. In altre parole quello che si nega è proprio il Bilinguismo. Il Sardo può essere utilizzato come “Iidioma locale” e “forma dialettale”. Con funzioni folcloristiche e turistiche. Non come lingua coufficiale con l’italiano. Con pari ruolo, funzione e dignità. Ma non vi è solo il colonialismo linguistico dello Stato, secondo Diego Corraine, uno dei protagonisti della battaglia per il Bilinguismo. “A dolu mannu – scrive –, non semus capatzos de parare fronte a sos atacos chi benint «dae intro»! Comente mai, difatis, non b'at e non b'at àpidu peruna protesta cando nch'at catzadu unos cantos cartellos pagados cun dinare pùblicu de sa Lege 26/99? Comente est capitadu in Ulìana, Oniai, Durgali, Nùgoro, etc. in ue est isparida parte manna de sos cartellos in sardu? Custa genia de atzione autocolonialista est belle peus de s'atzione colonialista de s'istadu, ca semus nois etotu chi nos nche semus seghende sa limba in sos topònimos, chi sunt sa mustra prus crara e nòida de s'identidade linguìstica nostra”.

Contatti

redazione@siniscolanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK