Rimani sempre aggiornato sulle notizie di siniscolanotizie.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Zente Nova: "La Tares passerà come un uragano"

Il movimento politico siniscolese colpirà pesantemente cittadini e imprenditori

| di comunicato Zente Nova
| Categoria: Politica
STAMPA

La Tares andrà a colpire pesantemente cittadini e imprenditori. Non ci sono parole dolci per annunciare quella che sarà una mazzata per le tasche dei contribuenti. La nuova tassa su rifiuti e servizi, andrà a sostituire la Tarsu, inglobando sia la tassa commisurata al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, sia quella relativa alla copertura finanziaria dei servizi erogati dalla pubblica amministrazione, e moltiplicherà i costi a carico dei cittadini. Ci sono tre elementi che fanno sì che questa nuova tassa, imposta da Roma, vada a colpire pesantemente i cittadini.

  1. Il primo è che lo Stato obbliga a coprire il 100% dei costi relativi ai rifiuti.
  2. Il secondo elemento è che, con il decreto “salva Italia”, è stata introdotta una parte fissa del valore di 30 centesimi al metro quadro che ogni utente dovrà versare. Lo Stato dà la possibilità ai Comuni di aumentare questo valore a 40 centesimi, ma ovviamente ci auguriamo che l’Amministrazione Celentano non lo faccia.
  3. Il terzo è che il metodo colpisce maggiormente i nuclei familiari più numerosi. Anziché aiutare le famiglie che magari sono composte da 5 persone, il Governo stabilisce che queste producono più rifiuti e quindi devono pagare di più. In tutta Italia le proiezioni sono allarmanti, soprattutto per gli imprenditori. Per attività quali bar, ristoranti, trattorie, pizzerie, negozi di frutta e verdura, fiori e piante, strutture ricettive e alberghiere, la Tares prevede un incremento che viaggia tra il 100e il 300%. Per le utenze domestiche l’aumento previsto è intorno al 20/30%.

L’Amministrazione di Siniscola, è reticente nel fornire e rendere pubbliche le proiezioni di cui ha già sicuramente un elaborato; per questo, pagate le tre rate di Tares, l’ultima con scadenza il 30 novembre 2013 che sono equivalenti alla vecchia Tarsu, la doccia fredda arriverà con la 4° rata, il conguaglio calcolato sulla base delle nuove tariffe, che immaginiamo elevatissime!

Come Zente Nova, pur consapevoli che questo balzello è frutto della politica antipopolare del Governo centrale nazionale, solleviamo però l’ambiguità e l’opportunismo (di fatto) della Giunta Celentano, alla quale rimproveriamo:

  • - la mancata trasparenza nel rendere pubbliche da subito le nuove aliquote;
  • - che a distanza di oltre due mesi dall’impegno di farlo la Giunta ancora non abbia applicato alla San Germano le sanzioni accumulate nel primo anno di gestione del Servizio, circa 400mila euro, che potrebbero essere usate per abbattere le aliquote della Tares;
  • - il mancato monitoraggio relativo al censimento dei metri quadri catastali e di quegli immobili che registrano almeno un versamento Tarsu, così da avere chiaro il tasso dell’evasione da proiettare sulla Tares, cosa di cui il Comune non ha controllo, ma fondamentale per capire chi paga e per che cosa, in quanto non vorremmo scoprire che ad evadere fossero, paradossalmente, non chi vive nel disagio economico, ma anche chi pur potendo pagare, non lo fa per accumulare ulteriormente la propria ricchezza.

Diciamo questo perché si può far fronte a questa situazione solo con un’azione coordinata collettiva, dove mettere a sistema le risorse e i doveri, dove ricomporre le basi della società e costruire il riscatto dall’odiosa gabbia nella quale la crisi e chi l’ha creata vorrebbero rinchiuderci. Per tutto quanto sopra, diciamo ai cittadini, a chi ha attività produttive, alle associazioni di categoria, di avanzare formale richiesta al Comune affinchè vengano rese note le proiezioni della Tares… per avere il tempo di capire e, pure, di combattere per renderle più giuste e aggiustarle qualora non lo fossero…. SVEGLIA!... perché il destino non imbocca nessuno!

comunicato Zente Nova

Contatti

redazione@siniscolanotizie.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK