Partecipa a SiniscolaNotizie.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Disagi idrici, Zente Nova / UpS: «Il sindaco avrebbe dovuto avvisare la popolazione. Invitiamo i nostri amministratori a prendere da subito in mano le problematiche dell'acqua. Se lo faranno avranno il nostro sostegno»

Condividi su:

«Oggi, 14 giugno, siamo senz'acqua. Apprendiamo che, con un comunicato del 12 giugno, il gestore idrico Abbanoa ha avvisato i sindaci di Siniscola, Posada, Budoni e San Teodoro annunciando che, a causa di un guasto alla condotta, prima, e alla cabina Enel che alimenta il potabilizzatore, poi, sarebbe stato impossibile inviare l’acqua alle reti cittadine. Il Sindaco di Posada ha informato i cittadini, quello di Siniscola, no. Così, stamani, magari prima di andare a lavoro, chi poteva organizzarsi diversamente ha trovato i rubinetti a secco. Se stiamo allo slogan della campagna elettorale, la domanda è: Tardelli c’è?».

È quanto si legge in una nota stampa diramata in data odierna dal gruppo Zente Nova / Unione per Sinicola che sarà rappresentato in Consiglio comunale da Antonio Satta e Nino Fronteddu.

Per i membri del raggruppamento civico che ha partecipato alle elezioni appena conclusesi, si tratta di una «negligenza inaccettabile»: «Era molto complicato – si legge nel documento - diramare un comunicato?».

Mercoledì 22 giugno si terrà la prima seduta consiliare di questa legislatura. Satta e Fronteddu hanno annunciato l'intenzione di sottoporre la questione alla nuova maggioranza guidata dal sindaco Gian Luigi Farris: «Chiederemo al primo cittadino ed alla Giunta che non si ripeta il triste copione di sempre; che da questa grave negligenza si impari e si cominci a fare corretta informazione. Inoltre, considerate le passate battaglie all’opposizione, sarebbe opportuno che il sindaco si attivasse contro il gestore per le bollette illegittime e per l'acqua non potabile da sempre. Questo è un impegno che, dall'opposizione aveva sempre chiesto alla maggioranza; allora, ora che è lui a guidare il Comune, serve che lo ponga in pratica. Serve chiedere ad Abbanoa che apra uno sportello sul territorio con un proprio ufficio tutti i giorni, per permettere ai cittadini di ricevere un servizio adeguato che oggi non esiste. Insomma invitiamo i nostri amministratori a prendere da subito in mano le problematiche dell'acqua, Se faranno questo, avranno il sostegno nostro e, siamo certi, di tutti. Nel frattempo, facciano ammenda dell'errore, affinché questo non si ripeta».

 

 

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook